• Anna

P come Postura e Presenza

Aggiornato il: 6 nov 2020


Una buona postura, rilassata ma energica, è fondamentale perché dal nostro corpo il suono possa fluire all’esterno in modo scorrevole e potente.

Ma quanto è importante curare la nostra postura anche per acquisire sicurezza e presenza, soprattutto nei momenti di ‘sfida’?


Amy Cuddy, psicologa e docente statunitense, lo ha spiegato benissimo in un TED talk del 2012 che puoi ascoltare qui: il linguaggio del nostro corpo ci modella come persone e allenarsi ad assumere pose di espansione fa uscire il nostro sé più audace e autentico.


Ecco alcuni utili consigli, tratti dal suo libro del 2015 Il potere emotivo dei gesti, che si applicano perfettamente alla performance vocale e sono utilissimi soprattutto nelle situazioni difficili, come per esempio audizioni, esami, concerti:


  • tieni le spalle indietro e il torace aperto. In questo modo potrai respirare in modo completo e corretto.

  • tieni i piedi saldi al suolo, sentiti ancorato.

  • se hai un leggio davanti a te, allontanati un po' e guadagna maggior spazio intorno a te.

  • non fare movimenti casuali e/o ripetitivi, ma al contrario chiari e definiti. Se vuoi fare qualche passo, muovere una mano o le braccia, pensa prima tutti questi movimenti e definiscili, mettendoli in collegamento con quello che stai cantando o dicendo.

  • se senti di richiuderti e rattrappirti cerca un appoggio che ti possa dare la massima espansione possibile. Il pianoforte va bene, ricorda sempre però di fare movimenti ‘pensati’.

  • non occupare solo lo spazio fisico, dilata anche quello temporale! Quando ci sentiamo insicuri tendiamo ad accelerare per sfuggire al momento, temendo di rubare troppo tempo a chi ci sta ascoltando. Sfrutta l’immenso potere delle pause e, nel nostro caso specifico, delle cadenze.

  • fai particolare attenzione ai muscoli del collo: il collo, la gola e l’intero vocal tract devono essere sempre un’autostrada a quattro corsie per la voce, non una stradina di montagna piena di curve strette e tornanti.

  • se fai un errore non permetterti di crollare interiormente (e richiuderti). Se vi sentite cedere, lottate. Tirate indietro le spalle, espandetevi, potenziatevi.


Post recenti

Mostra tutti